giovedì 31 gennaio 2019

Balsamo naturale fatto in casa - Le Ricette




La ricetta che vediamo oggi nasce per fornire un'alternativa completamente naturale e biodegradabile al balsamo destinato al cowash. Si tratta quindi di un preparato che si focalizza su idratazione e condizionamento dei capelli, ma ha anche proprietà detergenti.
Questa ricetta è ideale per chi ha capelli disidratati, crespi e sfibrati che necessitano di un lavaggio efficace ma nel contempo delicato e rimpolpante.
La quantità degli ingredienti è pensata per due applicazioni e per la mia chioma (100 cm di lunghezza x 11 cm di girocoda) quindi chi ha capelli più corti o una massa inferiore dovrà ridurre le dosi mantenendone la proporzione.

Ingredienti


  • 3 cucchiai di amido di riso
  • 3 cucchiai di farina di riso
  • 3 cucchiaini abbondanti di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina di ceci
  • 125 ml di birra sgasata
  • 250 ml di acqua

Ingredienti alternativi o aggiunte facoltative

3 cucchiai di amido di mais al posto dell'amido di riso
1 cucchiaio di sciroppo d'acero o miele al posto dello zucchero
2 cucchiai di ghassoul o di farina d'avena al posto della farina di ceci
birra analcolica (che quindi non occorrerà cuocere)
si può aggiungere qualche goccia di olio essenziale (al massimo 3), in tal caso consiglio di raddoppiare la quantità di farina di ceci

Preparazione



  • Mettere l'amido di riso in un pentolino e mescolare con pochi cucchiai di acqua fino a ottenere una pastella liscia e omogenea
  • Aggiungere il resto dell'acqua e accendere il fuoco a fiamma dolce
  • Cuocere mescolando con una frusta finché il liquido assume un colore paglierino e in superficie scompaiono le velature biancastre.
  • Aggiungere lo zucchero e continuare a cuocere per qualche minuto
  • Aggiungere la farina di riso e cuocere per circa 10 minuti, fino ad ottenere un impasto omogeneo denso come lo yogurt greco.
  • Lasciar raffreddare
  • Cuocere la birra per 5-7 minuti per provocare l'evaporazione dell'alcol
  • Aggiungere la birra all'impasto mescolando bene così da rompere tutti i grumi e ottenere un impasto omogeneo, quindi aggiungere la farina di ceci.


Come usarlo


L'impasto va applicato sui capelli dalle radici alle punte in modo uniforme, può essere applicato anche direttamente con le mani.
Va lasciato in posa almeno 30-40 minuti, al massimo per due ore, avendo cura di coprire con una busta o una pellicola per evitare che l'impacco secchi.
Dopo la posa si procede a massaggiare i capelli con le mani bagnate, diluendo poco alla volta l'impacco fino a renderlo fluido come uno shampoo commerciale.
Massaggiamo con cura la cute e quindi possiamo procedere con il risciacquo.
Risciacquiamo prima con l'acqua a filo, così da diluire lentamente l'impacco continuando a massaggiare per massimizzare l'effetto detergente. Effettuiamo altri due risciacqui con acqua abbondante finché dall'acqua scompaiono tutte le bollicine e l'acqua esce perfettamente limpida.
Chiudiamo lo shampoo con il risciacquo acido e asciughiamo i capelli.

Finché non sono completamente asciutti i capelli potrebbero apparirci non sufficientemente puliti, è una sensazione che svanisce man mano che i capelli asciugano.

Se i nostri capelli sono particolarmente sporchi e vogliamo un lavaggio più incisivo, raddoppiamo la quantità di farina di ceci.
Evitiamo di tenere l'impasto in posa troppo a lungo (al massimo 1 ora e mezza di posa) perché una volta esaurito il rilascio di sostanze idratanti e condizionanti, l'impacco finirà col tirare via dai capelli tutti i nutrienti che ha appena rilasciato, rendendo il prolungarsi della posa un sacrificio controproducente.

Come conservarlo


Il preparato va conservato in frigo per non più di 5-6 giorni. Nonostante la conservazione in frigo, potrebbe assumere un odore sgradevole di fermentazione (dovuto alla farina di ceci), non significa che sia andato a male, basterà ricuocerlo per una decina di minuti e sarà perfettamente riutilizzabile.

Focus di approfondimento:

1 commento:

  1. Hai messo due volte la farina di ceci nel procedimento

    RispondiElimina